mercoledì 28 settembre 2011

Cosa raccontare ai bambini su quanto verificatosi con il progetto Opera

Per spiegare ai bambini cosa è accaduto al Cern di Ginevra occorre semplicemente raccontare che: un fascio di neutrini è  stato lanciato dal Cern, che si trova in Svizzera, verso l'Itituto Nazionale di Fisica Nucleare sotto il Gran Sasso. Questo lancio è avvenuto attraverso un sofisticato strumento e avendo i neutrini la proprietà di attraversare la materia, sono arrivati al centro di ricerca italiano. Durante ripetute misurazioni i fisici si sono accorti che i neutrini impiegavano meno tempo della velocità della luce, nel compiere il loro viaggio. Inizialmente hanno pensato a un errore, fino a rendersi conto che potrebbe trattarsi di una  nuova scoperta: cioè che i neutrini per spostarsi impiegano meno tempo della luce. Questa scoperta potrebbe modificare alcune delle idee e dei concetti ritenuti validi fino ad ora. Ma ci vorrà del tempo per formulare nuove teorie, che dovranno essere confermate dalla procedura sperimentale. Anche questa scoperta, come spesso accade, è stata fatta mentre gli scienziati cercavano altro.
Sul sito dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare trovate un video ralizzato per i bambini e i ragazzi che spiega in modo efficace cosa è un neutrino:
 



venerdì 16 settembre 2011

Tutorial sulla Lim

Questo tutorial realizzato da InnovaScuola, è una guida pratica per l'autoformazione sulla Lavagna Interattiva Multimediale

TUTORIAL

lunedì 12 settembre 2011

EDUCAZIONE ALLA SALUTE - PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

PROGETTO
DI
EDUCAZIONE ALLA SALUTE
PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI
STRADALI

Il secondo progetto delle insegnanti della Scuola Dell'Infanzia di San Miniato Basso riguarda la PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI.

Potete scaricarlo da qui:PREVENZIONE INCIDENTI STRADALI

mercoledì 7 settembre 2011

EDUCAZIONE ALLA SALUTE - Prevenzione degli incidenti domestici

PROGETTO
DI
EDUCAZIONE ALLA SALUTE
PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI DOMESTICI

Le colleghe della Scuola dell'Infanzia di San Miniato Basso presentano due progetti sull' EDUCAZIONE ALLA SALUTE.
 Il primo è quello sulla "Prevenzione degli incidenti domestici"


Potete scaricarlo da qui: PREVENZIONE INCIDENTI DOMESTICI

venerdì 2 settembre 2011

Vademecum DSA 2011


La legge n. 170 del 18 ottobre 2010 “Nuove norme in materia di disturbi specifici
di apprendimento in ambito scolastico” richiede alla scuola una particolare
attenzione nel riconoscere precocemente i disturbi specifici di apprendimento e
nel personalizzare la didattica e le relative forme di verifica/valutazione in base
alle specifiche esigenze degli alunni che sono interessati dal disturbo.
In Toscana l’argomento è stato affrontato da tempo . A partire dalle prime
indicazioni ministeriali (indicazioni e suggerimenti contenuti nelle note n. 4099/04
e n. 26/05) non solo l' Ufficio Scolastico Regionale, ma anche reti di scuole, Enti
locali, Associazioni, Agenzie culturali ecc. hanno promosso iniziative e progetti
che hanno contribuito a diffondere ed approfondire la conoscenza dei DSA ed
hanno evidenziato la possibilità, attraverso l’azione didattica, di ridurre/superare
il problema.
Occorre sicuramente proseguire l'attività avviata per favorire una capillare
informazione fra il personale scolastico e per sostenere il delicato compito
educativo degli insegnanti con strumenti e indicazioni significative.
Con questo intento è stato realizzato Il vademecum in oggetto, che può essere
consultato e scaricato dal sito di questo Ufficio www.toscana.istruzione.it (news
- DSA), che descrive, seppur sinteticamente, le modalità con le quali i DSA si
manifestano in ambito scolastico e indica le procedure da attuare per assicurare
a ciascun alunno un'esperienza scolastica quanto più possibile serena e proficua.
Il libretto è frutto di un lavoro interdisciplinare, svolto in collaborazione fra
personale di questo Ufficio, rappresentanti dei Servizi Sanitari , referenti
dell'Associazione Italiana Dislessia che, traendo spunto da positive esperienze
realizzate nelle scuole del territorio, hanno selezionato le indicazioni più
significative da diffondere per mezzo del vademecum.
L'impostazione del libro è pertanto operativa: si tratta di uno strumento di lavoro
che ciascun insegnante può utilizzare per cercare soluzioni ad eventuali problemi
di apprendimento di alcuni alunni e per impostare percorsi di studio
personalizzati.

Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca
Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana
Direzione Generale
Via Mannelli, 113 - 50132 Firenze - Tel.055 27251 ¨ Fax.055 2478236 - E.mail: direzione-toscana@istruzione.it¨
url:www.toscana.istruzione.it